DIAGNOSI DELLA SCHIENA CON KYO-JITSU TRAMITE LO SHIATSU

Condividi

La diagnosi della schiena valuta principalmente i meridiani yang; pertanto, lo shiatsu dell’haikou-shin può correggere le anomalie del loro percorso. Una volta imparata bene la localizzazione delle zone di haikou-shin, si può comprendere quali effetti abbia lo shiatsu in posizione prona e su quali meridiani sia efficace. Se si esercitano pressioni sul corpo senza conoscere le ragioni del suo disequilibrio, non solo si perde la credibilità, ma anche l’interesse.

Non occorre eseguire la regolarizzazione del vaso governatore prevista dall’agopuntura e dalla moxa-terapia perché essa è già compresa nell’haikou-shin. Inoltre, a differenza della chiropratica, lo shiatsu non ha come obiettivo la correzione della colonna, ma ne esamina le anomalie tramite la verifica del kyo-jitsu dei meridiani, curando anche la schiena, zona in cui queste si manifestano. Pertanto, consente di correggere senza troppe forzature anche la spina dorsale. La schiena è yang e, quindi, permette la comprensione delle anomalie del flusso dei meridiani in modo intuitivo, consentendo anche di essere toccata con più facilità durante i trattamenti.

Al contrario, lo sho dell’addome è yin, perciò, se non lo si esamina accuratamente, è difficile verificarne il kyo-jitsu. Inoltre, la relativa terapia richiede una tecnica manuale avanzata, ed è difficile verificarne l’efficacia. In ogni caso, si tratta di yin, quindi la cura è radicale e permanente, e si chiama sho dell’addome perché è lì che la terapia manifesta i suoi risultati.

Il trattamento shiatsu lungo la linea dei meridiani è chiamato sekkei e fa parte della setsu-shin. Dato che il termine contiene la parola setsu (tagliare), si potrebbe pensare che si tratti di una sorta di carezza esercitata con le dita sui meridiani. Invece, la manualità è la stessa del setsumyaku, che gli agopuntori utilizzano per fare la diagnosi verificando la pulsazione dei polsi, e consiste, infatti, nell’appoggiare la mano sui meridiani, tenendo premuto come per penetrare nella pelle.

Tramite il trattamento shiatsu lungo i meridiani si esamina quindi il kyo-jitsu di un meridiano, e ciò è possibile per qualunque parte del corpo anche se, naturalmente, vi sono zone in cui può risultare più difficile che in altre. Se, durante la valutazione completa, una parte del corpo presenta il kyo-jitsu in modo evidente, l’anomalia sarà significativa e, probabilmente, quella zona presenterà dei sintomi e dovrà essere oggetto principale di cura.

Il setsumyaku è un tipico metodo della medicina orientale per verificare la pulsazione; è molto difficile da imparare, e gli esperti possono avere anche divergenze di opinioni a riguardo. Queste discordanze, probabilmente, sussistono se si prendono in considerazione solo le pulsazioni, ma rimane comunque il fatto che si tratta di un metodo importante. Forse anche lo shiatsu, facendo parte della medicina orientale, dovrebbe adottare il setsumyaku; ma, dato che quest’ultimo è un metodo a sé, lo shiatsu segue il principio della “diagnosi e l’immediato trattamento” sfruttando, piuttosto, il do-in. Per tale motivo è stato ideato l’allungamento (stretching) dei meridiani.

L’allungamento dei meridiani ha un ruolo importante nel trattamento sia in posizione seduta che in quella supina e prona. E’ un metodo che non appartiene allo shiatsu tradizionale e ha effetti terapeutici straordinari, sfruttando il movimento delle articolazioni yin-yang. Inoltre, aiuta a risolvere alcune difficoltà che si possono riscontrare nello sho dell’addome, e facilita la verifica del kyo-jitsu.

Nella medicina tradizionale orientale, la diagnosi si divide in quattro tipi, e cioè: bo-shin (osservazione del corpo e degli atteggiamenti del paziente), bun-shin (la valutazione del tono di voce e dell’odore), mon-shin (il colloquio) e setsu-shin (l’esame con il tatto). Tuttavia, la tecnica per noi più significativa è la setsu-shin, eseguita utilizzando le mani e le dita. Spesso si ignora che essa è totalmente differente dalla shoku-shin, ma ciò è dovuto principalmente alla scarsa conoscenza dello shiatsu.

Condividi

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *